Il processo di Valutazione Psicologica (psychological assessment) include l’assessment, oltre che di individui, anche di gruppi, famiglie e comunità ed ha larghe prospettive: non si ferma solo alle abilità, ma si indirizza anche all’ambiente ecologico, alle dinamiche nei vari contesti. È centrata sul funzionamento piuttosto che sul problema e mira a comprendere non solo i punti di debolezza, ma anche quelli di forza dell’utente, qualunque esso sia.

Oltre che alla rilevazione di sintomatologia psicopatologica, si integrano quindi strumenti e tecniche mutuate dalla pratica diagnostica di matrice psicologico-clinica, includendo la valutazione di aspetti e processi della personalità, valutazione di atteggiamenti, modalità relazionali, livello e tipologia di competenze cognitive, struttura di personalità, ecc.

La valutazione del sistema familiare oltre che come richiesta a sé stante, è sempre implicata nelle valutazioni di minori (bambini e adolescenti), vista l’importanza che gli ambienti prossimi (come quello familiare) rivestono nello sviluppo bio-psico-sociale della persona.

Una buona valutazione psicologica finalizzata a un percorso è anche orientata a rilevare progressi e cambiamenti tramite periodici incontri che rilevino i progressi compiuti nel corso dell’intervento.